“Operazione verità: i 10 errori commessi nella lotta al Covid”. Superate le 35.000 firme. Mobilitazione trasversale.

La petizione, indirizzata al Presidente del Consiglio Giuseppe Conte e al ministro della Salute Roberto Speranza, “Covid19: il Governo faccia ora quel che non si è fatto prima”, ha superato le 35.000 firme. Lo rendono noto i proponenti, Fondazione Hume e Lettera150. La petizione, primi firmatari Luca Ricolfi e Nicola Grigoletto per la Fondazione Hume, Continua a leggere

Covid-19, Lettera150: l’alternativa al lockdown era possibile, il governo l’ha ignorata

In un documento inviato il 29 marzo al presidente del consiglio Conte e al ministro della Salute Speranza , un gruppo di ricercatori italiani del Cnr, dell’Infn, l’Istituto Nazionale di Fisica Nucleare, dell’Università di Camerino e di Ricmass, il Rome International Center for materials science, aveva delineato un sistema alternativo al lockdown nel contenimento della Continua a leggere

Tamponi, il Lazio attui la sentenza Tar e apra ai privati

Lettera 150 – coordinamento per il Lazio – rivolge un nuovo appello alla Regione perché senza ulteriori dilazioni sia rilasciata, alle strutture private presenti sul territorio regionale e già autorizzate ed accreditate per lo svolgimento delle indagini diagnostiche molecolari, l’abilitazione all’inserimento dei dati al fine dell’esecuzione dei TAMPONI MOLECOLARI COVID 19.Si rappresenta che con la Continua a leggere

Covid-19, le dieci cose da fare. Petizione di Lettera150 e Fondazione Hume

“Il governo faccia ora quanto non si è fatto prima. Un decalogo per salvare l’Italia”. Inizia così la petizione lanciata dal think tank Lettera150 e dalla Fondazione David Hume) (http://Change.org/DecalogoPerSalvareLItalia). La petizione prende avvio da “l’operazione verità” sugli errori commessi in questi mesi per combattere l’epidemia, operazione lanciata la scorsa settimana da dieci studiosi, tra Continua a leggere

Ecco il piano per evitare la seconda ondata covid consegnato da Crisanti al governo

Tracciamento automatico di tutti gli appartenenti agli ambienti di vita dei positivi e tamponi diffusi, fino a 400mila al giorno se necessario, per spegnere sul nascere i focolai di Covid-19. A indicare quale doveva essere la strategia per evitare una seconda ondata, quella che purtroppo ora stiamo vivendo, è un documento consegnato al governo il Continua a leggere